Una lezione CLIL

2016-01-24_180403
Una possibile CLIL lesson plan per creare al meglio la tua lezione

Questa è una griglia per progettare e riassumere una lezione CLIL rispettandone alcuni canoni essenziali.
In particolare ti aiuterà a seguire le indicazioni date dal modello delle 4Cs, COGNITION-CONTENT-CULTURE-COMMUNICATION, e a riflettere sulle abilità cognitive che vorrai sviluppare nei tuoi alunni.
The 4Cs-Framework (Coyle, 2006), offre un approccio teorico e metodologico per programmare una lezione CLIL e i relativi materiali.

2016-03-04_150935

CONTENT – CONTENUTO
rimane il focus principale, guida l’intera programmazione attraverso il percorso di apprendimenti previsto e determina la scelta del linguaggio usato

• SCAFFOLDING – IMPALCATURA frammentare il contenuto in piccolo parti che si susseguono sostenendosi e incorporandosi
• DISCIPLINA è il cuore della lezione CLIL ed rappresenta il punto di partenza per la costruzione del materiale
• ESSENZIALE sottolineare e selezionare gli aspetti essenziale del contenuto
• RIPETIZIONE del contenuto con l’uso di attività e materiali diversi

COGNITION – ABILITA’ COGNITIVE
sviluppare thinking skills che promuovono la formazione di concetti, di comprensione e linguistici

• LOTS AND HOTS abilità cognitive inferiori (ricordare, ordinare, definire…) e superiori (sviluppare, creare, ipotizzare…)
• Processare informazioni CONCRETE o ragionare su concetti ASTRATTI
• TEMPO la performance migliora se viene dato del tempo di pensare prima di produrre quanto richiesto
• ABILITA’ DI APPRENDIMENTO apprendere ad apprendere per sviluppare autonomia

Gli obiettivi di apprendimento possono guidare nella scelta delle attività e nel definire le competenze degli alunni. Questa è una rivisitazione della tassonomia di Bloom. Vengono mostrati gli obiettivi di apprendimento, dai più semplici in basso a quelli superiori in alto. Prova ad abbianre un’attività in classe per ciascuno da essi.
2016-03-04_152312

COMMUNICATION – COMUNICAZIONE
apprendere ad usare la lingua e usare la lingua per apprendere

• FUNZIONI uso reale e pratico, oltre la grammatica
• COMPETENZE LINGUISTICHE ascoltare, parlare, scrivere, leggere
• BICS and CALPS lingua per comunicazione informale (salutare, chiedere informazioni) e linguaggio accademico e specifico della disciplina, nonché per esprimere abilità cognitive superiori (discriminare, ipotizzare…)
• CODE SWITCHING l’uso della lingua madre non per tradurre, ma per supportare la comprensione globale
• MIX CODING possibili e fisiologiche “interferenze” con altre lingue
• ROUTINE serve per consolidare l’apprendimento della lingua e rinforzare la comunicazione
• INTERAZIONE fondamentale nel processo di apprendimento (gruppi, coppie, tutoraggio tra pari, cooperative learning…)
• -TTT +STT ridurre il tempo-parlato dell’insegnante (Teacher Talking Time) per promuovere quello dello studente (Student Talking Time)
• COMUNICAZIONE NON VERBALE per supportare la comprensione
• STRUTTURE LINGUISTICHE transparenti e accessibili per incoraggiare il parlato
• SCAFFOLDING frammentare, organizzare in diagrammi, modellare testi, dimostrare il compito…

CULTURE – CULTURA

esporre ad una prospettiva alternative e condividere nuovi punti di vista

• PROGETTI DI SCAMBIO-GEMELLAGGIO amico di penna, e-twinning
• MATERIALI REALI E AUTENTICI video, interviste, cartoni, immagini, opera d’arte, ricette, canzoni, giochi, tradizioni, leggende, storie, sport…
• STRUMENTI google maps, quotidiani, riviste, youtube, webcam, programmi televisivi, internet
• GITE-USCITE SCOLASTICHE musei, città, teatri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *